Luigi Degan

La Lombardia rallenta e crescono i licenziamenti

In Lavoro on December 3, 2012 at 4:12 pm

(AGENORD) _ Milano, 3 dic _ Aumenta anche a novembre il numero dei licenziamenti in quasi tutti i territori lombardi. E’ l’impatto della crisi economica sul tessuto produttivo regionale. Da gennaio a novembre 2012 sono già 57.023 (+26,27% rispetto agli stessi mesi del 2011). I dati sulla mobilità e l’indennità di disoccupazione, forniti dalla sottocommissione regionale permanente mobiltà/ammortizzatori e rielaborati dalla Cgil regionale, confermano un aumento dei licenziamenti. Complessivamente i licenziamenti, cioè le indennità di mobilità e di disoccupazione, tra gennaio-novembre 2011 e lo stesso periodo del 2012 crescono del 26,27%, ed è già di 57.023 il totale complessivo dei licenziamenti nei primi 11 mesi dell’anno.
Nel mese di novembre i licenziati con la legge 223/91 sono 2.557, con la legge 236/93 sono 4.320, i frontalieri sono 5, complessivamente sono 6.882. I dati sugli undici mesi tra gennaio e novembre indicano in 18.015 i licenziati con la legge 223/91 (indennità di mobilità), con un aumento percentuale del 12,80% sugli stessi mesi del 2011, e in 38.846 i licenziati con la legge 236/93 (indennità di disoccupazione), con un aumento del 33,93%. I frontalieri sono 162, con un aumento del 102,50%.
“Dati significativi e preoccupanti, commenta Giacinto Botti, Segretario della Cgil Lombardia, che testimoniano di come sia lontana l’uscita dalla crisi e di come in molte realtà la cassa integrazione non sia stata in grado di contenere l’occupazione o di evitare la chiusura di tante realtà produttive e di molte attività commerciali. Il tasso di disoccupazione lombardo è in crescita continua, e ha ufficialmente superato il 7%, mentre la precarietà e il lavoro nero si stanno diffondendo come denunciamo da tempo. La stessa cassa integrazione complessivamente registra un aumento costante. In attesa di elaborare i dati di novembre sulla cassa integrazione che ci perverranno dall’Inps, esprimiamo preoccupazione per la riduzione delle risorse a sostegno della cassa in deroga per il 2013. Le cifre e i dati regionali che mensilmente elaboriamo sono preoccupanti. Dietro, ci sono persone, donne e uomini, cittadini, lavoratori, giovani che vivono una situazione di precarietà di vita e di lavoro. Dati che, insieme a quelli forniti dall’Istat sull’aumento della disoccupazione in Italia, che a ottobre raggiunge l’11% e ben il 36,55% per i giovani, confermano la profondità della crisi e la difficoltà ad uscire dal tunnel. Sono anche lo specchio – continua Botti – del fallimento delle politiche economiche recessive adottate dal governo e a livello europeo. Non c’è più tempo da perdere, c’è la necessità assoluta di un piano per il lavoro e per l’occupazione giovanile, occorre mettere a disposizione risorse, scelte e politiche economiche e sociali che favoriscano lo sviluppo e la crescita del nostro Paese e che contemporaneamente siano eque, solidali e riducano le disuguaglianze. Risorse da trovare per sostenere la crescita, per una politica industriale smarrita in questi anni, per sostenere il reddito di chi non trova lavoro o è stato licenziato, per finanziare gli ammortizzatori sociali senza i quali aumenterebbero a dismisura i licenziamenti. La Cgil non si rassegna alla crisi, conclude Botti. Se non si interviene con decisione il 2013 rischia di essere peggiore del 2012. Senza politiche industriali, nazionali e regionali, di investimento e di indirizzo pubblico in economia, finalizzate a favorire innovazione, ricerca, sviluppo e crescita, non si costruisce una prospettiva per il futuro del Paese e delle nuove generazioni”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: