Luigi Degan

Posts Tagged ‘flessibile’

Le opportunità per l’edilizia nell’Est Europa

In Afol Milano on November 25, 2012 at 4:32 pm

SOCIAL HOUSING NELL’EST EUROPA ATTRAVERSO RETI DI IMPRESE UN’INIZIATIVA TRANSNAZIONALE PER REAGIRE ALLA CRISI

La realizzazione di interventi di Social Housing nei Paesi dell’Europa dell’Est attraverso la costituzioni di reti di impresa è un’iniziativa unica nel suo genere, di livello transnazionale. L’ampia partecipazione al convegno del 14 novembre presso l’Ucimu di viale Fulvio Testi 128 a Cinisello Balsamo nella quale laCamera di Commercio Italia-Repubblica Ceca ha presentato questa stessa iniziativa, con il sostegno del Consolato della Repubblica Ceca a Milano, ha confermato la validità di questa idea e la sua singolarità nel panorama non solo italiano ma europeo. A fronte del calo della domanda interna che si registra in tutti i Paesi dell’eurozona, e segnatamente in Italia, in seguito alle politiche di risanamento più o meno intensamente deflazionistiche che ciascun governo ha adottato, guardare oltre il proprio “cortile domestico”, verso mercati inesplorati è più che un’opportunità. E’ anzitutto una necessità vitale. Read the rest of this entry »

Investire in Italia (secondo la Banca mondiale)

In Formazione on November 20, 2012 at 10:28 am

E’ stato recentemente presentato a Roma il rapporto della Banca Mondiale “Doing Business in Italia 2013”, che analizza l’impatto delle riforme istituzionali e normative italiane sulle iniziative imprenditoriali, soprattutto di piccole e medie dimensioni. In realtà si tratta di un focus sul Bel Paese, che completa la più generale e nota pubblicazione “Doing Business 2013”, dove l’Italia si classifica al 73° posto su 185 Stati del Mondo.

TORNARE ALLA CRESCITA, ECCO COME SECONDO LA BANCA D’ITALIA – Secondo la Banca Mondiale, il problema centrale che affligge l’Italia è stato ed è tuttora il ritorno a livelli soddisfacenti di crescita economica. In tempo di crisi, è chiaro che tale crescita non può derivare da una insostenibile espansione della spesa pubblica, ma dovrà derivare da un miglioramento dell’efficienza e da un aumento della competitività e della produttività del sistema economico. Read the rest of this entry »

%d bloggers like this: